La prima volta dei cataloghi astronomici

Astronomy Picture of the Day del 15 marzo 2018. Crediti e copyright: Bernhard Hubl (Cedic)

Se avete bisogno di una bella immagine o cercate informazioni su questa o quella galassia, non potete non considerare di approfondire le vostre ricerche su uno dei cataloghi astronomici oggi a disposizione. Ce ne sono tanti in circolazione, alcuni anche molto antichi. E il sito Apod (Astronomy Picture of the Day) della Nasa ce ne fornisce un esempio, pubblicando un’immagine con le ”prime uscite” di sei fra i cataloghi più popolari.

Vi siete mai chiesti a cosa corrispondo le sigle Ngc o Ic nei nomi delle galassie o di altri oggetti cosmici? Fanno riferimento al nome del catalogo dove le loro immagini sono state pubblicate per la prima volta. Nell’immagine qui sopra, in ordine cronologico, abbiamo la popolare Nebulosa Granchio o M1 pubblicata come “prima immagine” nel catalogo di Charles Messier, inaugurato nel 1774: da allora abbiamo gli oggetti catalogati come Messier. Questo antico catalogo contiene, nella sua versione finale, 110 oggetti.

Al 1888 risale, invece, il New General Catalog of Nebulae and Clusters of Stars di J.L.E. Dreyer, e da qui vengono i nomi delle galassie che iniziano con la sigla Ngc: nello specifico, Apod ci propone la galassia a spirale poco appariscente Ngc 1, visibile in direzione della costellazione di Pegaso a 188 milioni di anni luce da noi. Dreyer fece un primo tentativo di compilare un elenco completo di tutti gli oggetti del cielo profondo conosciuto fino a quel momento. Allo stesso Dreyer dobbiamo la creazione dell’Index Catalog, la cui prima edizione venne pubblicata tra il 1888 e il 1894; una seconda versione venne completata nel 1907. La prima immagine pubblicata raffigura Ic 1, una debole stella binaria nella costellazione di Pegaso.

In basso a sinistra troviamo Barnard 1, pubblicata come prima immagine del catalogo di E.E. Barnard nel 1927: è stato il primo catalogo di nebulose molecolari, creato a partire da foto. Nello specifico, B1 è una nebulosa oscura nella costellazione di Perseo che appartiene alla Nube di Perseo. Popolare è anche il catalogo di George Abell, risalente al 1958, dove lo studioso catalogò molti agglomerati di galassie. Il primo è Abell 1, un ammasso galattico nella costellazione di Pegaso. L’ultima foto della composizione è vdB 1, dal catalogo di Sidney van den Bergh’s del 1966: una nebulosa a riflessione nella costellazione di Cassiopea.

Guarda il video della Nasa dedicato alla “Maratona Messier”, una sfida per astrofili in cui arriva al traguardo chi riesce a osservare, nel cielo di marzo, tutti e 110 gli oggetti del catalogo Messier in una sola notte:

Fonte: La prima volta dei cataloghi astronomici

(Visited 10 times, 1 visits today)