Cheops svela il suo lato artistico

Due placche in titanio incise con migliaia di disegni miniaturizzati realizzati dai bambini sono state applicate al Satellite Cheops. Ogni placca misura circa 18 cm di larghezza per 24 cm di altezza. Crediti: G. Bucher Università di Scienze Applicate, Berna

Voleranno a bordo della missione Cheops accompagnando il telescopio nel suo viaggio alla scoperta di mondi extrasolari. Stiamo parlando delle due lastre di titanio decorate con 2700 disegni miniaturizzati realizzati dai bambini di tutta Europa che hanno partecipato, tre anni fa, al concorso ‘Manda il tuo disegno nello spazio con Cheops’. La competizione è stata coordinata in Italia dall’ Agenzia Spaziale Italiana in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica e l’Università degli Studi di Padova. Tra le 900 proposte italiane, 266 sono state scelte come vincitrici e i soggetti rappresentati con estro e creatività spaziano dai pianeti ai razzi, fino ad arrivare agli extraterrestri. continua ...

Cheops il misura-pianeti va a Madrid

Il telescopio Cheops nella camera pulita dell’Università di Berna. Crediti Thomas Beck / Universität Bern

Impacchettato in un contenitore hi-tech su misura, il telescopio spaziale Cheops (CHaracterising ExOPlanet Satellite) dell’Esa partirà domani, martedì 10 aprile, alla volta di Madrid, tappa fondamentale del viaggio che culminerà nel lancio a bordo di un razzo Soyuz – previsto a inizio 2019 – per essere lanciato in orbita, a 700 km di quota, a studiare i pianeti extrasolari. Scopo principale della missione sarà la misura fotometrica ad altissima precisione di transiti, così da determinare con esattezza la dimensione di esopianeti con masse comprese fra quella della Terra e quella di Nettuno. continua ...