Saturno in fasce

Crediti: Emma Woodfield/Bas

Un gruppo internazionale di scienziati della British Antarctic Survey (Bas), dell’Università dell’Iowa e del Gfz German Research Center for Geosciences ha scoperto un nuovo metodo che permette di spiegare come potrebbe essersi formata la fascia di radiazione che avvolge il pianeta Saturno.

Intorno a Saturno, e ad altri pianeti tra cui la Terra, le particelle cariche sono intrappolate nel campo magnetico e si dispongono in regioni a forma di ciambella attorno al pianeta, conosciute come fasce di radiazione (quelle attorno alla Terra si chiamano fasce di Van Allen, nelle quali gli elettroni viaggiano a velocità prossime a quella della luce). I dati raccolti dalla sonda Cassini della Nasa, che ha orbitato 13 anni attorno a Saturno per svelarne i segreti, combinati con un modello computerizzato sviluppato dalla Bas, hanno fornito nuovi indizi sul comportamento di questi elettroni in rapido movimento all’interno delle fasce. Quello che si è scoperto sembra mettere in discussione la visione fino ad ora ampiamente condivisa dagli scienziati dei meccanismi responsabili dell’accelerazione degli elettroni a energie così estreme. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications. continua ...

Concerto per elettroni tra le fasce di van Allen

Alcune regioni con diversi tipi di plasma attorno alla Terra. Crediti: Nasa’s Goddard Space Flight Center/Mary Pat Hrybyk-Keith

Onde di plasma “tradotte” in frequenze udibili dall’orecchio umano. È quanto hanno prodotto gli scienziati delle sonde gemelle Van Allen della Nasa: una serie di file mp3 per ascoltare la sinfonia del plasma. Una sinfonia cacofonica come poche, a onor del vero, ma nella quale è possibile distinguere diversi “strumenti”, differenti per timbro e frequenza a seconda del processo fisico e della regione di provenienza all’origine del segnale. continua ...