E.T. abbiamo un problema: la caducità delle civiltà

L’ipotetica espansione geometrica dei segnali di civiltà extraterrestri nella nostra galassia. Il momento in cui una civiltà smette di trasmettere è indicato dalla creazione del buco delle ciambelle. Crediti: Geoff Marcy, UC-B e Claudio Grimaldi, Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne

«Non bisogna domandarsi dove sono gli extraterrestri, ma dove sono gli oggetti fabbricati da loro» si chiedeva Arthur C. Clarke, il prolifico autore di fantascienza padre della saga dell’Odissea nello spazio. Ma forse sarebbe ancora più corretto domandarsi: dove sono i loro segnali? E potremo mai comunicare con loro? Un’eventualità tanto pessimista quanto realistica, esplorata da uno studio di prossima pubblicazione, è che se anche dovessero giungere sulla Terra dei messaggi, potrebbero provenire da lontane civiltà da tempo estinte. Mentre le civiltà ancora in vita potrebbero essere intente a inviarci segnali che ancora devono arrivarci. continua ...